Lo spazzacamino di May Poppins compie 91 anni

Forse anche lui non lo avrebbe neanche lontanamente immaginato, eppure il successo planetario dello spazzacamino della storia di Mary Poppins gli ha cambiato la vita e gli ha regalato un successo infinito.

Ovviamente stiamo parlando di Dick Van Dyke che nonostante decenni e decenni di successo è rimasto sempre il volto gentile della televisione e del grande schermo cinematografico.

spazzacamino

Il suo ruolo è entrato nella storia interprentando Bert, lo spazzacamino di Mary Poppins ed anche se semba ieri, il 13 dicembre 2016, Dick Van Dyke ha compiuto 90 anni.

Ma ecco la notizia che tutti aspettavamo: l’attore Dick Van Dyke, star di Mary Poppins, parteciperà al sequel del film cult che avrà come protagonista l’attrice Emily Blunt.

Il sito The Hollywood Reporter ha infatti confermato la sua presenza e ha spiegato: “Dovrebbe svolgersi 20 anni dopo e i bambini ormai sono adulti. E’ un cast grandioso: Meryl Streep, Angela Lansbury e Lin-Manuel Miranda diHamilton“.
Per ora non sono emersi ulteriori dettagli sulla sua partecipazione al progetto della Disney e non resta che attendere ulteriori notizie.

In Mary Poppins Returns reciteranno anche Colin Firth con il ruolo di William Weatherall Wilkins, il presidente della Fidelity Fiduciary Bank, Emily Mortimer che sarà Jane Banks, e Ben Whishaw nella parte di Michael Banks.

La data d’uscita statunitense è stata appena fissata dalla Disney al 25 dicembre 2018. Nel cast troveremo anche Lin-Manuel Miranda, creatore del musical di grandissimo successo Hamilton.

La sceneggiatura sarà opera di David Magee, mentre il candidato al premio Oscar Marc Shaiman si occuperà della colonna sonora; il vincitore del Tony Award Scott Wittman, invece, scriverà nuove canzoni originali.

Il film diretto da Rob Marshall sarà ambientato nella Londra della Grande Depressione, 20 anni dopo il primo film, e sarà basato sulle nuove avventure di Mary Poppins e della famiglia Banks scritte da P.L. Travers.

La storia segue Jane e Michael Banks oramai diventati adulti che, dopo una grave perdita, accolgono in casa Mary Poppins. Attraverso le sue doti magiche, e con l’aiuto del suo amico Jack, Mary aiuterà la famiglia a riscoprire la gioia e il senso di meraviglia che hanno abbandonato le loro vite.

La pellicola del 1964, con Julie Andrews e Dick Van Dyke, era ambientata poco prima della Prima Guerra Mondiale e divenne un vero e proprio cult, vincendo cinque premi Oscar.

Caschi gonfiabili per ciclisti: Hodwing

Sembra incredibile, ed invece i caschi gonfiabili stanno per arrivare per la gioia dei ciclcisti.

Creato in Svezia – Hodwing il casco gonfiabile – offre una protezione sicura ed invisibile che si “materializza” attorno a testa e collo solo in caso di necessità.

caschi gonfiabili

Per molti il caso viene indossato con fastidio e noia, per il caldo a cui costringe specialmente d’estate, per non spettinarsi e ritrovarsi a corsa avvenuta con un’acconciatura da pulcino, e per alcuni anche perché non è il massimo della bellezza. Tuttavia sappiamo benissimo quanto sia importante per la nostra sicurezza, e non ci può essere nessuna scusa che ce ne possa far liberare.

Purtroppo anche la scelta della bicicletta come mezzo di trasporto nasconde problemi e pericoli, specialmente per quanto riguarda la sicurezza. Pedalare nel caos delle grandi città, che spesso in Italia non sono dotate di adeguate infrastrutture per la circolazione in bicicletta, si rivela spesso pericoloso e proprio per questo, sebbene non obbligatorio, l’utilizzo del casco è caldamente consigliato. Ma per chi proprio non riesce a mandar giù l’idea di coprire il capo, esiste finalmente una valida alternativa che, senza rovinare la messa in piega e senza esercitare peso e pressione sulla testa, garantisce un elevato livello di sicurezza e di protezione. Si tratta di un’invenzione davvero particolare messa a punto da due giovani designer svedesi. Anna Haupt e Terese Alstinat hanno, infatti, ideato una sorta di airbag per ciclisti sicuro ed invisibile che protegge il collo e la testa in caso di caduta.

Il casco gonfiabile (ed invisibile).

Nato come progetto per la tesi di laurea in disegno industriale, il nuovo casco invisibile, che le sue inventrici hanno chiamato Hodving, è nato proprio dalla voglia delle due giovani, amanti della bicicletta, di creare un dispositivo che assicurasse un’efficace protezione ai ciclisti che non desiderano indossare il casco. Questo nuovo accessorio consente, dunque, di pedalare in tranquillità senza il fastidio del casco con la consapevolezza che, in caso di necessità, attorno alla propria testa si materializzerà rapidamente una struttura gonfiabile che avvolgerà il capo ed il collo.

Hodving, dunque, si presenta come una perfetta “via di mezzo” tra un casco ed un air-bag, ideale, dunque, per salvaguardare il ciclista in caso di caduta. Il tutto indossando un capo per nulla invasivo che non si noterà nemmeno alla vista. Il casco gonfiabile, infatti, si presenta come un normale collare in tessuto antivento da indossare come una classica sciarpa o uno scaldacollo che, al suo interno, cela un contenitore di gas compresso e due differenti tipi di sensori: un accelerometro ed un giroscopio che, in caso di incidente, azionano l’airbag che si gonfierà attorno alla testa e al collo.

Grazie ai 5 anni di lavoro ed alla raccolta di ben 10 milioni di dollari utilizzati per finanziare il progetto, il casco gonfiabile Hodving, è diventato un vero e proprio prodotto commercializzabile che, difatti, può essere già acquistato su diversi siti web tra cui Amazon e, naturalmente, quello del produttore. Il prezzo, attualmente fissato a 299 euro, è, purtroppo, ancora abbastanza elevato ma l’eventuale successo riscosso dall’articolo potrebbe favorire un ribasso del costo del prodotto.

Storie di Brand: Babbo Natale

Come tutti i brand di successo anche Babbo Natale ha una storia, un antefatto, dei creatori di idee che hanno portato il vecchissimo San Nicola – o anche Santa Klaus – a diventare il personaggio più atteso e amato del Natale.

Babbo Natale è una figura presente in molte culture che distribuisce i doni ai bambini, di solito la sera della vigilia di Natale. Babbo Natale è un elemento importante della tradizione natalizia della civiltà occidentale, oltre che in America, in Giappone ed in altre parti dell’Asia orientale. Ed il suo Villaggio di Babbo Natale è un luogo di incontro straordinario dove egli riceve centinaia di migliaia di amici venuti da tutto il mondo tutti i giorni dell’anno. Un luogo dove le favole diventano realtà.

Insomma Babbo Natale è diventato un brand a tutti gli effetti!

Talmente potente che anche Google ha deciso di dedicare a Babbo Natale un sito web che ti permette di seguirlo nel suo viaggio intorno al mondo che lo tiene impegnato per portare i regali ai bambini: Santatracker.

Babbo Natale villaggio

Così come allo stesso modo in tutte le città, durante le feste di Natale, nascono delle aree gioco dove è possibile trovare la famosa casa di Babbo Natale, con il vecchietto barbuto a farsi le foto con i bambini, tanti regali e giochi gonfiabili a tener compagni a grandi e bambini.

 

Storie di Brand: Brandani

Brandani Gift Group è un brand legato ad un’impresa dalla grande tradizione nella quale l’esperienza, l’attenzione costante alle nuove tendenze, il desing, la capillare conoscenza del settore merceologico, hanno dato vita ad una gamma diversificata di prodotti da regalo, articoli da regalo, prodtti per la casa, all’insegna della raffinatezza e dell’innovazione.

brandani

L’Italian Style di Brandani è riconoscibile in tutto il catalogo, deriva dal profondo attaccamento alla terra toscana ed è apprezzato da una clientela d’élite in tutto il mondo.

L’azienda dispone di un sito web aggiornato e di facile consultazione, offre anche una meticolosa assistenza al consumatore finale, a maggiore garanzia di un prodotto e di un servizio sempre puntuale ed ineccepibile.

Il nuovo catalogo della Brandani trasmette energia, comunica la determinazione del gruppo nell’adattarsi ai cambiamenti del mercato, proponendo linee che non solo riflettono le nuove tendenze, ma le anticipano con prodotti concepiti per sintetizzare estetica e funzionalità. Sia nella prima fase di ricerca e design che nella gestione del magazzino, la tendenza è sempre quella di raggiungere il massimo.

Brandani ecocompatibile

con oltre 2500 pannelli fotovoltaici sulle coperture dello stabilimento Brandani si dimostra un’azienda dal motore verde, resa dal punto di vista energetico autonoma da pannelli fotovoltaici installati sulle proprie coperture. Sono infatti 2562 i pannelli solari utilizzati su una superficie di 2000 mq. Una scelta ecologica che ha permesso il risparmio di 160000 kg di CO2 annui e che si è sposata ala perfezione con una serie di iniziative a scopo benefico incentrate nella valorizzazione delle realtà di assistenza territoriali.

Brandani per il Sociale

BRANDANI GIFT GROUP “CAMPIONE D’ITALIA” CON LA COMPAGNIA ARCIERI CITTA’ DI PESCIA

E’ festa tricolore per BRANDANI gift group e per la Compagnia Arcieri Cittò di Pescia. Il sodalizio sportivo cittadino ha vinto il suo 73° titolo nazionale, conquistandolo nel contesto riservato alle società. Una grande soddisfazione per il connubio pesciatino, grazie all’obiettivo raggiunto dalla squadra maschile formata da Federico Gargari e Ruggero Giannelli, in gara con l’arco olimpico, Alessandro Giannini e Massimiliano Pacini con il nudo, Gregorio Cirillo e Marco Del Ministro nel confronto “compound”.

Storie di Brand: Thun

Thun è un marchio italiano che produce articoli da regalo, oggetti da collezione, articoli da decoro interni e idee regalo.

Come è nata la Thun?

Nel 1950 a Bolzano, una coppia di giovani sposi,l a contessa Lene Thun e il conte Otmar cominciano a realizzare il loro grande sogno: nello scantinato di Castel Klebestein danno vita alle Officine Ceramiche THUN.

I conti Thun, affiancati da soli assistenti, si mettono all’opera con grande impegno, entusiasmo ed energia. Lo slogan da loro coniato a quei tempi è tuttora il “Leitmotiv” che accompagna l’azienda:

“In un paese tra il Nord e il Sud all’incontro tra due culture, attingendo dalla tradizione ma rivolti verso il nuovo, lavoriamo per portare gioia a noi e agli altri.”

Il primo Angelo Thun

Lene Thun ispirandosi al volto dei suoi figli mentre dormivano realizza la sua opera prima, l’Angelo Originale di Bolzano.
Una creazione quasi magica, che fa innamorare chi la vede. Il successo è incredibile, sostenuto da un affettuoso passaparola.

Passano gli anni e le creazioni della contessa Lene Thun conquistano un numero sempre più grande di cuori e le schiere appassionati crescono a dismisura . Una crescita straordinaria dalla quale nasce – nel 1992 – la nuova sede Thun di via Galvani.

thun online

Nel 1998 il numero dei fan di THUN è così alto da convincere Lene ed il figlio Peter a fondare il THUN CLUB. Da allora gli amici di THUN hanno un punto di riferimento che regala loro ogni anno novità sempre più sorprendenti.

Il Mondo THUN diviene ogni giorno più vasto e si serve un luogo che ne sia il cuore pulsante: così, nel 2002, vede la luce il THUNIVERSUM a Bolzano, progettato da Matteo Thun.

Nel 2004, un altro avvenimento importantissimo: apre infatti il primo THUN SHOP, dedicato alle sole creazioni THUN. Non rimane però solo a lungo: oggi i THUN SHOP sono oltre 200 e grazie a loro i fan THUN possono vivere anche nel resto d’Italia parte della magica atmosfera del THUNIVERSUM.

Lo stile Thun

Lo stile THUN è caratterizzato da creazioni senza tempo che, da oltre 60 anni, donano felicità arricchendo le case e la vita delle persone con simboli d’amore e di buoni pensieri. Uno stile unico che conserva il suo significato originario ma che si evolve in linee sempre nuove ora più leggere, ora più artistiche. Oggi le linee THUN avvicinano a quelli tradizionali, anche nuovi bellissimi colori, che creano soluzioni armoniose in linea con le tendenze dell’abitare e del vivere moderno.

Ma THUN è molto più di questo! Le nostre creazioni non sono soltanto prodotti, ma rappresentano un vero e proprio atteggiamento di positività nei confronti del mondo. Da questo atteggiamento, derivano anche le iniziative sociali ed il sostegno dell’arte.