Le imbracature anticaduta: norme e disciplina

imbracature

Le imbracature anticaduta (o imbraco) sono un indumento realizzato con larghe cinture di stoffa collegate tra loro – chiamate per l’appunto brache o spesso anche “braghe” – le quali cingendo ai fianchi e alle cosce colui che le indossa, ne permette l’assicurazione ad una corda o ad un filo di sicurezza (linea vita) e lo svolgimento di tutte le manovre di sicurezza.

imbracatureLe imbrcature anticaduta sono di solito usate sia nei settori sportivi, pensiamo per esempio alle arrampicate, oppure all’alpinismo o la vela, sia in tanti settori lavorativi pericolosi, quando chi le indossa vive il rischio di poter cadere da grandi altezze (pensiamo a chi lava i vetri dei grattacieli o occuopazioni simili).

Le imbracature anticaduta devono ovviamente rispettare tutti gli standard previsti dalle norme europee di sicurezza e dalle specifiche norme EN 12277.

  • MATERIALI COSTITUTIVI SCHIENALINO: Realizzato in materiale sintetico a cellula chiusa ricoperto da tessuto in poliestere , il tutto termoformato.
  • NASTRI PRIMARI: In poliestere H.T. larghezza mm. 45 tinti in pezza con prodotti atossici e che non producono effetti dermatologici da contatto. Carico di rottura Kg 2700.
  • NASTRI SECONDARI: In poliestere larghezza mm 20 completi di fibbiette di regolazione in nylon. CUCIRINO: 100 % poliestere a 3 capi sottoposti a torcitura – stirato e sottoposto a doppia lubrificazione.
  • ANCORAGGI: Tutti evidenziati dalla lettera “A”. Punto dorsale costituito da un anello a “D” in acciaio. FIBBIE: Fibbie in acciaio zincato, peso gr 85 ca., per la regolazione dei cosciali. PESO TOTALE: Kg 1,100
  • CONFEZIONAMENTO: Il DPI, unitamente alla Nota Informativa, è contenuto in una busta di cellophan trasparente elettrosaldata che lo protegge dall’umidità e da vapori di agenti chimici.

L’imbracatura anticaduta deve essere conservata protetta da umidità, fonti di calore, possibilmente in ambiente chiuso.

L’imbracatura da lavoro, che la più recente normativa italiana sui “Lavori in quota in condizioni di sicurezza” definisce sempre come Imbracatura anticaduta, è un dispositivo di protezione individuale e differisce rispetto a quella sportiva perché rispondente ad una normativa più rigida: si parte infatti dal presupposto che un lavoratore che debba usare un imbrago deve rivolgere la propria attenzione al lavoro che svolge, e non alla situazione in cui si trova. Pertanto, sono richieste norme di sicurezza più stringenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *