Storie di Brand: Timberland

In Italia, il marchio Timberland è stato legato per molti anni alla moda del anni 80 che vedeva il classico scarponcino della Sequoia associato ad altri capi “storici”. Quel tipo di identificazione si è stemperata con il passare degli anni anche perché progressivamente, sono aumentati i clienti del produttore americano che negli anni 80 non erano neppure nati.

Mentre negli anni 80 il grande pubblico in Italia conosceva sostanzialmente lo scarponcino icona del marchio Timberland, oggi l’assortimento è molto vasto ed è stato affiancato anche da abbigliamento per il tempo libero. Invero, in Rete, l’abbigliamento non desta molto interesse perché il cose business rimane la calzatura e nel cuore dei consumatori è quello il “prodotto”. I discorsi che si possono cogliere nel social network hanno sempre al centro l’esperienza di possesso delle scarpe con una forte polarizzazione dei pareri: molti ne tessono le lodi con termini altisonanti; pochi raccontano esperienze da dimenticare. Infatti i post negativi, quando sono basati sull’esperienza d’uso, non sono mai tiepidi. Il rapporto tra i primi e i secondi è nettamente a favore dei primi ma i secondi fanno rumore. In realtà queste due posizioni sono tipiche dei luoghi della rete in cui si discute di prodotti: i fans o ambasciatori del marchio portano l’entusiasmo, chi ha avuto una cattiva esperienza si sfoga. Nella ricerca qui pubblicata si è ignorato il dato di approvazione presente in Facebook in quanto tanto soverchiante da annullare ogni rilievo (765.000 “mi piace”); si sono prese in considerazioni opinioni e pareri presenti in siti terzi e più specializzati nella discussione sui prodotti. Tra i vari post emergono almeno due elementi degni di nota. La prima è legata alla globalizzazione e alla delocalizzazione delle produzioni. Alcuni post commentano negativamente il “made in oriente”, soprattutto agli inizi del secolo in quanto, secondo alcuni post, la scelta avrebbe impattato sulla qualità. Il secondo aspetto è correlato ai post degli ultimi anni: il marchio non sembra più ancorato alla moda degli anni 80 ma oggi vive di una reputazione propria che però, per ora, non sembra ottenere beneficio dalle scelte ambientalistiche dichiarate dal produttore. Il prezzo è il fattore critico più gettonato soprattutto in tempi di crisi: in diversi casi vige il consiglio di attendere i saldi o usare il canale dell’ecommerce, soprattutto se l’esperienza diretta è stata positiva.

timberland
scarpe timberland

Timberland negli ultimi anni ha adottato una politica di marketing netta: legare il proprio marchio a temi di sostenibilità ambientale. Le iniziative sono molteplici partendo da processi produttivi a basso impatto ambientale. In particolare Timberland ha sottoscritto un documento con Greenpeace per l’utilizzo di pelli derivati da allevamenti e attività che non contribuiscano al fenomeno della deforestazione. In Italia la collaborazione con Legambiente e il contributo che ne è conseguito ha consentito di riqualificare alcune aree verdi fruite dai cittadini. Infine lo store outlet di Pero, è stato realizzato con materiali ecocompatibili.

Funzione d’uso Di cosa sto parlando? Vista le neve che è scesa questo inverno, sto parlando delle mitiche Timberland! Vivendo in una valle e lavorando in un paesino su un’altopiano, d’inverno spesso nevica, e il ghiaccio rimane spesso a terra per settimane visto le temperature rigide.. ma con le Timberland i miei piedi sono sempre rimasti al caldo e all’asciutto! Ottime anche sotto la pioggia 😉 […] Esistono poi modelli meno grezzi e più raffinati, ma a prezzi a mio giudizio troppo alti. Insomma, si sfrutta il marchio diciamo. roby1984it Delocalizzazione Purtroppo devo confermare che la qualità delle scarpe Timberland è peggiorata da quando non sono più made in Usa;le prime che ho acquistato erano delle chukka arancioni a fine anni ottanta ed erano eccezionali,in questi ultimi anni ho acquistato altre tre paia di Timberland uno made in Vietnam,uno made in Repubblica Dominicana e uno (il peggiore) made in Cina,credo che a lungo andare questa politica andrà a rovinare l’immagine del marchio,anche se nel complesso le scarpe non sono male. fabio Anche femminile Devo dire che la prima volta che ho visto gli scarponcini Timberland al piede di una ragazza sono rimasta a dir poco inorridita: mi chiedevo come fosse possibile che una scarpa così poco femminile potesse essere indossata da una donna; a distanza di dieci anni circa mi sono ricreduta. [..] L’unica pecca è che costano molto, ma io le mie le porto ancora dopo molti anni, una Timberland non è un acquisto stagionale, ma per la vita [..]. E se ancora credete che sia un modello troppo maschile date un’occhiata agli ultimi arrivi […] laurinar07 eCommerce Ho avuto 4 paia di stivali Timberlad nella mia via vita e ne sono sempre rimasto soddisfatto, sia per la qualità sia per l’indistruttibilità (ci puoi camminare praticamente su qualsiasi tipo di terreno). Quest’inverno ho scoperto per caso che su Amazon li avrei potuti acquistare con uno sconto del 50% […] Non fatevi scappare l’opportunità di averli ai piedi ad un prezzo quasi dimezzato.

Storie di Brand: Bionatura

BioNatura – design Made in Italy

BioNatura Shoes è un brand esclusivamente italiano che porta avanti con orgoglio il made in Italy. I prodotti Bionatura sono caratterizzati da materiali di prima qualità, design all’avanguardia e con un rapporto qualità prezzo molto conveniente.

bionatura

I prodotti BioNatura sono prodotti completamente ed assemblati in Italia da collaboratori con grande esperienza ed altamente qualificati nella produzione di scarpe, sandali e calzature.

bionatura

Bionatura dedica molto tempo alla scelta dei materiali e il risultato è una calzatura in cui il piede è sempre a contatto con prodotti naturali.

Le suole delle scarpe BioNatura sono realizzate con materiali di prima scelta. Tutti i soletti BioNatura sono in agglomerato di sughero con plantare anatomico in vera pelle scamosciata.

Le pelle utilizzate per realizzare le tomaie BioNatura sono state attentamente selezionate dai nostri esperti, e tutti gli accessori sono realizzati con materiali antiallergici e privi di nikel. Comfort, materiali naturali e design tutto Made in Italy, semplicemente BioNatura.

sandali-bionatura